Sicuramente più di qualcuno avrà notato una recente modifica all’interno di Search Console, ovvero la sezione precedentemente chiamata “Velocità (sperimentale)” adesso è stata rinominata in “segnali web essenziali“. Ma non si tratta di una semplice modifica del nome.

L’esperienza utente nelle pagine

Google ha sempre valutato l’esperienza utente sui siti web grazie a varie metriche come la frequenza di rimbalzo, la durata all’interno del sito, il numero delle pagine visitate, ecc. Adesso si spinge oltre e valuta l’esperienza utente nelle specifiche pagine andando a verificare elementi nuovi come per esempio il tempo che trascorre da quando l’utente fa click su un link a quando riesce ad interagire con la pagina. Un altro elemento che verifica è quanto una pagina si modifica nel corso del caricamento, effetto molto fastidioso in certi siti che risultano in continua mutazione durante il caricamento delle pagine e che spesso portano a fare click su un elemento anziché un altro.
In pratica riesce a misurare l’esperienza utente di ogni singola pagina del sito, e questo diventa molto importante in particolar modo lato mobile visto che le metriche desktop di solito sono sempre migliori.

Cosa accadrà nelle SERP

Anche a causa del Coronavirus che ha provocato e sta provocando ritardi in molti servizi, Google ha deciso di non introdurre questi elementi come elementi determinanti per il ranking prima del prossimo anno e comunque comunicherà il loro inserimento con un preavviso di almeno 6 mesi.
Perciò almeno fino a metà gennaio 2021 non dovrebbe succedere nulla.
Il consiglio però è quello di non prendersi all’ultimo momento per evitare perdite di posizioni.

Come gli utenti percepiranno tutto questo

Questo tipo di variazione porterà sicuramente ad una esperienza di navigazione migliore per gli utente, in particolar modo lato mobile.
Questo perciò non solo aiuterà a mantenere o addirittura migliorare il posizionamento su Google ma aiuterà ad incrementare le conversioni da utente a cliente migliorando così il proprio business.